Le comunità famigliari

Obiettivi

La comunità familiare garantisce accoglienza a minori privi di un ambiente di vita idoneo, coniugando la dimensione relazionale e affettiva della famiglia,  con la dimensione professionale della comunità.

La famiglia residente offre  una relazione affettiva intensa, significativa e continuativa in cui il minore possa creare appartenenza e riacquistare  fiducia in sè,  negli altri e nel proprio futuro; la competenza professionale della coppia e degli educatori permette  di accompagnare  il minore attraverso un progetto educativo personalizzato, conducendolo verso una graduale autonomia.

PENTAX Image

Cosa offrono

La comunità familiare  offre un contesto di vita “normale” centrato

  • sulla qualità dei gesti della vita quotidiana attraverso i quali si trasmettono significati e valori e dove ogni ragazzo si possa sentire a casa, curato, benvoluto e ‘pensato’;
  • sulla convivenza familiare (coppia, figli naturali, educatori, ragazzi accolti, volontari) connotata da un clima affettivo colmo di attenzioni per tutti e per ognuno singolarmente,
  • sull’unità della coppia che costituisce la prima risorsa della famiglia, stabilisce e sorregge il clima familiare ed è contributo di bene e di certezza per tutti.
  • su una paternità e maternità simbolica e spirituale attraverso cui il minore possa rileggere la propria storia, dare significato agli eventi anche dolorosi, trovare l’equilibrio necessario per poter valorizzare riprendere o mantenere i legami con la famiglia d’origine nelle forme e nei modi possibili
DSC_1433

Metodo

Gli interventi educativi mettono al centro la positività di ogni ragazzo, le sue risorse, il suo presente, tenendo conto della sua storia. Egli è sollecitato a partecipare attivamente alla vita della casa, dei luoghi di vita, del territorio,  mettendo in gioco le proprie capacità e dando il proprio contributo. La giornata in comunità per questo è scandita secondo ritmi simili a quelli consueti a tutti i ragazzi: la frequenza a scuola, i pasti insieme, la cura di sé, le piccole collaborazioni alle attività domestiche, lo studio      la frequentazione di compagni e amici,  con particolare attenzione alle attività sportive,  al gioco, al teatro, e al volontariato.

IMG_1166

Le strutture

Don Vittorio Chiari

La Villetta